Sekiro: Shadow Die Twice

Il prossimo gioco d’azione e avventura di FromSoftware, Sekiro: Shadows Die Twice, sembra essere sempre più diverso dei suoi predecessori. Nell’intervista con GameInformer sono stati rivelati tanti dettagli che coinvolgono la progressione del giocatore e la struttura di gioco.

Cosa cambia?

Sebbene Sekiro prometta un livello di sfida e difficoltà simile ai Dark Souls, tanti particolari lo rendono un gioco diverso. La progressione di gioco sarà strutturata in modo più tradizionale, con una barra dell’esperienza che una volta completa fornirà un punto abilità da spendere per potenziare il proprio alter ego. Questi punti permettono di specializzarsi in abilità furtive (albero shinobi), in quelle votate al combattimento (albero del samurai), e in potenziamenti per la protesi del braccio.

La particolarità in questa struttura è rappresentata dalla presenza di alcuni oggetti che è necessario trovare in gioco per poter proseguire all’interno di uno specifico albero della abilità. L’esplorazione è un altro elemento che si rinnova rispetto alla serie Souls. Miyazaki ha infatti dichiarato: “Sekiro offre probabilmente un grado di libertà più alto al giocatore di esplorare il mondo se paragonata ai nostri precedenti lavori. In particolare da metà gioco in poi, il mondo si aprirà e avrete un gran numero di possibilità e la libertà di scegliere l’ordine e il modo con cui esplorarlo”.

I punti esperienza e l’oro, la valuta del gioco, ora sono due elementi separati, e non si perdono in caso di morte, anche se From Software a comunque suggerito che la morte avrà altri effetti collaterali, senza svelare di che tipo. In base alle abilità che i giocatori decideranno di seguire, si influenzerà lo stile di combattimento del proprio alter-ego.

Cosa li accomuna?

Invece un elemento di contatto con i precedenti lavori di From Software è la presenza di un “punto di ritrovo” centrale. Il responsabile marketing dell’azienda, Yasuhiro Kitao, ha infatti rivelato che a un certo punto della storia sarà possibile accedere al Dilapidated Temple, che ospiterà diversi NPC (in stile RPG).

L’NPC chiamato Sculptor permetterà ai giocatori di ottenere nuove abilità, mentre l’Immortal Soldier sarà utile per testare le nuove tecniche di combattimento; Emma ci aiuterà ad aumenterà il numero di pozioni che possiamo trasportare. Nel corso dell’avventura questi NPC saranno in continuo aumento e ci permetteranno di ottenere missioni secondarie, ma sarà anche un comodo punto di riferimento per tornare nelle ambientazioni già esplorate in precedenza attraverso il viaggio rapido attivabile tramite gli Idoli.

Su Amazon troviamo sia la versione per Xbox che per Playstation.